Acqua e Maalox

Mi siedo stravolto sul sedile del treno, mi svesto…sotto sono fradicio di sudore e pioggia, i vestiti che odorano di lacrimogeni e macchine in fiamme. Mi gira la testa…calo d’adrenalina forse…forse invece è perché ho girato Milano in lungo e in largo seguendo quello che prima sembrava un serpentone di gente in allegra e civile protesta, ma che nel giro di venti minuti e un paio di deviazioni é diventato caos. All’inizio era una ‘quasi festa’. Gente che protestava con colori e costumi, balli sincronizzati da tamburi, macchine addobbate e chiassose, cartelli e slogan.

Sembrava un carnevale.

Un carrozzone pacifico di gente che tiene particolarmente a certe cose, che c’è chi non vuole lavorare gratis all’EXPO e chi ama troppo gli animali per vederseli servire a tavola. Chi condanna foreste in fumo e risorse sfruttate fino all’anima.

FormatFactoryDSCF3745

FormatFactoryDSCF3356

FormatFactoryDSCF3772

FormatFactoryDSCF3813

FormatFactoryDSCF3764

FormatFactoryDSCF3788

Io vado in giro e scatto. Ci sono i gruppi estremisti vero, ma sembrano persone dai volti puliti e di ogni età che “accidenti!”, non ce li vedi proprio a tirare sassi o dare fuoco a cestini di spazzatura. Poi arriva la birra, quella scorre a fiumi grazie a carrettini illegali che la vendono immerse nel ghiaccio a tre euro la bottiglia. Carrettini che seguiranno il corteo anche nei momenti peggiori, pronti a servire qualche buona bottiglia piena da lanciare in testa ad un poliziotto. Arrivano anche camion pieni di bandiere e slogan con la scritta ‘ACAB’ sul fianco, arrivano gli slogan dipinti a bomboletta sulle vetrine del McDonald.

“MERDE” c’è scritto.

Continua a leggere